Ma che colpa abbiamo noi

Come crescere figli felici? Un bambino è relativamente incapace e impotente, per cui è molto facile dargli conferma della sua mancanza di valore. E', invece, molto difficile aiutare il bambino a liberarsi dal suo sentimento di inferiorità e dargli la sensazione che vale ed è in grado di diventare capace. Lo psicologo Lucio Della Seta nel suo libro "Debellare il senso di colpa" ci suggerisce alcune regole per limitare i danni.

 DIECI REGOLE

1) Dire a un figlio che gli altri bambini sono meglio di lui, più ubbidienti, più buoni, più ordinati, serve solo a far crescere il suo senso di colpa o di inadeguatezza.

2) All'asilo non si devono proporre ai bambini cose troppo difficili e si deve offrire un mondo alla loro altezza. Anche la sedia bassa serve ad evitare il senso di inadeguatezza.

3) Il bambino ritiene che i suoi genitori siano perfetti, quindi se c'è un cattivo in giro, quello è lui. Ammettere a volte i propri errori davanti al proprio figlio è sano ed educativo.

4) Non minacciare mai. La punizione deve essere legata all'infrazione, rapida e non vendicativa.

5) Non farsi vedere infelici. I bambini hanno bisogno di genitori felici. Se i genitori si separano, devono dimostrare al figlio che così stanno meglio.

6) Evitare litigi e tensioni in famiglia, i bambini se ne fanno una colpa.

7) I genitori devono adottare la stessa linea educativa, essere d'accordo tra loro nelle cose importanti, senza inutili rigidità che distruggono la personalità in formazione del bambino.

8) Se si deve correggere un bambino è meglio evitare di ignorarlo, evitare il cosiddetto ritiro dell'affetto che gli può far provare un'emozione di abbandono e morte.

9) E' importante che i genitori imparino a capire gli stati d'animo altrui. Più alto è il livello di empatia minori saranno gli errori verso i propri figli.

10) Si devono curare i genitori, non i figli. Il benessere dei bambini è fortemente correlato al benessere ed all'equilibrio dei genitori.

Forse non sempre riusciamo ad applicare rigorosamente tutte queste regole ma, se non altro, in quanto genitori, possiamo provare a tenerle in considerazione ed a sperimentarle un pò alla volta con un pizzico di curiosità ed intraprendenza. Buon lavoro genitori!